PUNTI DI FUGA, DOVE SI INCONTRANO LE PROSPETTIVE 02

Categoria: News
Pubblicato Venerdì, 03 Maggio 2013 09:52
Scritto da Super User
Visite: 1223

Roundtable with Vera Dell'Oro, exhibitions director at Brand New Gallery, Milan, Yari Miele, visual artist and member of the board of MARS, Milan, and Monica Villa, founder of the gallery Villa Contemporanea, Monza.

Domenica 5 Maggio 2013 alle ore 20.00 Studio Apeiron presenta la seconda tappa del progetto di Francesco Fossati dal titolo: Punti di Fuga, dove si incontrano le prospettive, una serie di tavole rotonde che hanno come focus il confronto riguardo la pratica artistica contemporanea, approcciato attraverso il punto di vista di professionisti del settore operanti nel contesto locale.

Oltre alla presentazione delle attività e delle modalità con le quali i vari operatori invitati si relazionano all'arte contemporanea, questa tavola rotonda vuole essere uno strumento di diffusione e conoscenza, nonché di scambio con il pubblico presente, riguardo ad una dimensione locale, che seppur in una situazione periferica, è ricca di eccellenze nel settore del contemporaneo.
L'obbiettivo ultimo di questo progetto è quello di mettere in dialogo professionisti e istituzioni con la speranza di iniziare a costruire una rete di lavoro che possa nel tempo svilupparsi per dare vita ad un distretto culturale specifico per l'arte contemporanea, in grado di valorizzare e di dare maggiore risonanza alle iniziative realizzate.

I relatori della tavola rotonda sono Vera Dell'Oro, direttrice mostre presso Brand New Gallery di Milano, Yari Miele, artista visivo e membro del direttivo 2013 di MARS, Milano e Monica Villa, fondatrice della galleria Villa Contemporanea di Monza.

Il dibattito sarà moderato da Francesco Fossati e sarà aperto agli interventi del pubblico. Punti di Fuga, dove si incontrano le prospettive è organizzato in occasione dell'inaugurazione della mostra personale di Claudio Corfone intitolata Lampo Legenda presso Studio Apeiron.

www.studioapeiron.it

Studio Apeiron, via Giovanni da Sovico, Sovico (MB)